martedì 12 febbraio 2013

SONO TUTTE CHIACCHIERE


E' il periodo giusto: è carnevale e questo è anche il nome del dolce più diffuso nel nostro paese per questa festa. E mi torna quindi quasi normale accomunare il suo nome agli argomenti che  frullano e tormentano i miei pensieri: SONO TUTTE CHIACCHIERE......
Tutte.....quelle sulla nostra politica che cambierà, quelle sulla vita di domani che sarà diversa. quelle sul nuovo papa che si auspica giovane per traghettarci in una religione anch'essa più giovane.
Non abbiamo bisogno di essere presi per i fondelli , la politica non cambierà mai, chiunque andrà ad occupare le poltrone porterà a casa sua i benefici dell'incarico...non ci illudiamo. 
Non cambierà la nostra vita domani: è che già possiamo ritenerci fortunati se pensiamo a come potrebbe essere il futuro dei nostri figli senza garanzie di uno stato che li tuteli, loro e la loro preparazione, loro e le loro ambizioni, loro e le loro speranze.
E non ci aspettiamo nemmeno che un papa giovane possa traghettare la nostra religione in una dimensione più moderna, dove il potere temporale che ultimamente sento infiltrarsi di nuovo pericolosamente nei discorsi anche di eventuali papabili (ma è poi davvero mai scomparso del tutto o è stato magistralmente camuffato?). Sento lontani i giorni di coinvolgimento delle folle del nostro amatissimo Giovanni Paolo II che pure con questo suo fare aveva nascosto tanti veri grandi problemi legati alla nostra dottrina. Sento che abbiamo bisogno di chi traghetti la nostra fede aldilà della sponda dell'accidia che ha pervaso i nostri animi, che incendi di nuovo i nostri spiriti a vedere dove ormai i nostri occhi non sanno più arrivare: nel cuore dell'amore per gli altri, per il futuro dei giovani per noi stessi..............e per il nostro paese
E scusami se sono retrograda ma questa apertura a liberismi, libertinismi e populismi proprio non riesco a farla mia.
E neanche l'accondiscendenza di chi cede alle lusinghe  oscene di un uomo che allude e ci degrada a semplici bambole del piacere.
Ma se anche in giovane età non ci si rende conto, arriva il momento nella vita in cui FINALMENTE si scoprono quali sono i veri ideali di una donna nella società ma....per questo, secondo molti, c'è tempo!

3 commenti:

  1. Annina dolce, quanto hai ragione!
    Troppe e solo chiacchiere inutili!
    Sono giovane e di esperienza ne ho davvero poca, ma una cosa ho capito: nella vita bisogna dar conto solo a se stessi, alla propria coscienza, al proprio credo, ai valori che ci sono stati trasmessi. Perchè noi siamo parte di una storia, legata ad affetti, all'amore tramandatoci dalle nostre famiglie d'origine! Oggi più che mai cercare una guida fuori di sè (politica o religiosa che sia) è a mio modesto avviso ancora più fuorviante che in altri momenti storici! Ci sono tanti altri strumenti a disposizione da cui attingere!
    Lo so sembra un discorso molto individualista e forse lo è! Ma sono stata cresciuta ed educata ad usare il senso critico, la mia testa sempre, lontana dalle mode e dall'approvazione comune... spesso decido di star "fuori dal mondo" perchè certi pensieri e luoghi comuni sono sterili, fini a se stessi e non sono altro che fuorvianti. Invece di aiutarci a far chiarezza, generano sgomento, confusione e"depressione".
    O per lo meno questo è l'effetto che sortiscono su di me! Per cui ho scelto di decidere della mia vita con responsabilità, cercandomi "le fonti" dove il mio cuore mi conduce! Preferisco una passeggiata all'aria aperta, un abbraccio del mio bimbo, una semplice cena tra amici, che perdermi in mille polemiche sterili che tanto costruttive non saranno mai!
    Il Papa... non saprei dirti, certo è che per me non è un modello, nè un esempio da imitare!
    Per lo meno non di certo Ratzinger, per cui non nutro la benchè minima stima!
    Quiello che verrà... sinceramente poco mi importa, non aspetto lui per vivere con gioia la mia vita!
    Certo penso che tutto questo sia molto triste... non avere una guida illuminante nè in politica, nè nella Chiesa è davvero triste! D'altronde però è lo specchio di come siamo!
    Questa purtroppo è la nostra società e da questo io parto sempre per riflettere sulla mia vita, sul senso che voglio dare al mio quotidiano e su cosa voglio tramandare ed inseguare a m io figlio...
    il resto... l'hai detto tu: CHIACCHIERE, E ALLORA LASCIAMOLI DIRE...
    Ti lascio un abbraccio stretto stretto!!!
    ^__^ Any

    RispondiElimina
  2. ciao anna, concordo pienamente con quello che dici basterebbe che alcune parole che oggi hanno perso ogni significato come Amore, Compassione e Fratellanza riprendessero a vivere e verremmo traghettati in un mondo migliore, bada che non mi riferisco alla religione ma all'anima di ognuno di noi.

    RispondiElimina